Il nostro network: News | Ultim'ora e Politica | Guide | Hotels e Alloggi | Magazine | Wedding/Matrimoni
Sabato 23 Settembre 2017
English

San Lorenzo Nuovo, visitiamo il centro storico

San Lorenzo Nuovo - Sorge su una collina a circa 550 metri d'altezza, situato in posizione strategica nel punto di incontro tra la Via Cassia e lo Strada Maremmana, a pochi chilometri dal lago; si estende su un territorio preva­lentemente agricolo. San Lorenzo Nuovo rappresenta un raro esempio di abitato costruito secondo un progetto pre­ciso e razionale. La cittadina si sviluppa attorno ad una piazza a pianta ottagona­le da cui partono vie dirette e larghe che si tagliano ad angolo retto.

 
CENNI STORICI
Il primo nucleo, da cui nacque la S. Loren­zo antica, detta S. Lorenzo alle Grotte, risa­le al periodo etrusco-romano. Nell'XI seco­lo questi territori vennero donati dalla Con­tessa Matilde di Canossa alla Chiesa. Il paese, per un periodo sotto il controllo or­vietano, tornò a far parte del Patrimonio di S. Pietro in Tuscia nel 1335. L'antico borgo di S. Lorenzo, non lontano dall'attuale cen­tro urbano, occupava una vallata vicino al lago, la quale nel Settecento, a causa dell'innalzamento del livello delle acque, si ricoprì di paludi, fenomeno al quale se­guì una terribile epidemia di malaria, che causò numerose vittime tra gli abitanti del luogo. Nel 1772 pertanto, per volere del Pontefice Clemente XIV, venne edificato il nuovo centro cittadino su progetto dell'ar­chitetto Francesco Navone. I lavori termi­narono sotto il pontificato di Pio VI.
 
DA VISITARE
 
CHIESA DI SAN LORENZO MARTIRE
È situata al centro del paese, sulla piaz­za ottagonale attraversata dalla Cassia. Fu costruita insieme al nuovo abitato ed è un esempio, con le sue linee sobrie ed eleganti, di stile neoclassico. II portale al centro della facciata della Chiesa è sor­montato dallo stemma di Papa Pio VI, che commissionò la realizzazione dell'e­dificio all'architetto Navone. L'interno, ad una sola navata, custodisce: un pre­zioso crocifisso ligneo di stile bizantino (XII secolo~, oggetto di particolare devo­zione, celebrato nella festività del 14 set­tembre; le tele con la "Resurrezione" e I-Ascensione" ; la pala d'altare con il "Martirio di S. Lorenzo"; un busto in mar­mo raffigurante Pio VI; un fonte battesi­male.
 
CHIESA RURALE DI TORANO
Venne costruita sui resti di un tempio etru­sco, dedicato alla vergine Turan. La chieset­ta è intitolata alla Madonna di Torano, raffi­gurata in un affresco (XV secj con Bambino benedicente.
 
CHIESA DI SANTA MARIA ASSUNTA
Risale al XVIII secolo. Sull'unica navata della Chiesa si aprono sei cappelle late­rali. Conserva affreschi realizzati dal fra­te Fedele da S. Biagio.
 
CHIESA DI S. GIOVANNI IN VAL DI LAGO
Nella pianura in Vai di Lago si possono ammirare le mura perimetrali dell'antica Chiesa di S. Giovanni. Di struttura ottago­nale, attribuita al Sangallo, aveva l'absi­de adorno di statue. Documenti attestano che già nel 1570 intorno alla Chiesa si teneva una grande fiera.

[Fonte: Viterbo OnLine]

Questo articolo è stato visualizzato 688 volta/e.

Condividi su: Facebook Digg Delicious Technorati Google Bookmarks OK Notizie Wikio Italia

Mappa

Calcola percorso in auto